Coronavirus in Spagna epidemia fuori controllo

Polemiche sul gigantesco ospedale da campo all’Ifema, la fiera di Madrid: mancano le distanze di sicurezza tra i letti, i bagni, gli spogliatoi per i medici e i respirator Coronavirus in Spagna, l'epidemia fuori controllo e il super ospedale incompleto: «Così c'è più rischio di contagio  che di cura»

 ancora un giorno peggiore del precedente nella cronaca della lotta al coronavirus in Spagna. Così la cifra dei contagi, 94.500, si avvicina inesorabilmente a centomila; e le morti da Covid-19 stabiliscono il nuovo record quotidiano: 849, fino a formare il totale provvisorio di 8.100. E fino al prossimo bollettino.

L’umore procede in direzione uguale e contraria: anche gli applausi alla cerimonia inaugurale del gigantesco ospedale da campo all’Ifema, la fiera di Madrid, si sono trasformati in fischi da parte del personale sanitario. Nessuno si aspettava che in poco più di una settimana potesse sorgere un centro di ricovero modello per 5.500 pazienti, ma già i primi duecento arrivi al padiglione 5 hanno mostrato le falle dell’installazione d’emergenza: mancano le distanze di sicurezza fra i letti dei pazienti, mancano i bagni e soltanto quattro giorni fa è stata attivata la prima doccia, non ci sono spogliatoi sufficienti per medici e infermieri, e (come quasi ovunque) nemmeno i respiratori per tutti i malati bisognosi di ossigeno, né il materiale di protezione personale per gli operatori. Non ultimo manca ancora il programma informatico per ricostruire la storia clinica di ogni paziente. «C’è più rischio di contagio che di cura», un’infermiera si è sfogata con El Pais, a proposito del disastroso rodaggio.

Con 27.500 infettati e 3.600 vittime, la Comunità di Madrid è ancora il focolaio più vasto del Paese, ma con 262 perdite la Catalogna ha da ieri il più forte incremento giornaliero di morti (in totale ormai oltre 1.700). Il governo di Pedro Sánchez fatica a imporre misure e regole comuni a tutte le 17 comunità autonome, ciascuna delle quali vorrebbe soltanto linee guida da modellare sulle proprie urgenze ed esigenze. Al rischio del collasso degli ospedali, temuto per la prossima settimana, si affianca lo spettro della catastrofe economica: «Il presidente del governo ha deciso di caricarsi sulle spalle tutto il peso della crisi da Covid-19 e ora gli scricchiolano le vertebre» commenta su La Vanguardia il vice direttore Enric Juliana. Montano le paure di commercianti e lavoratori autonomi e la rabbia degli imprenditori per l’ordine di chiusura generalizzato e per la vasta parte di costi che grava sulle aziende in termini di permessi retribuiti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: